lunedì 21 agosto 2017

Andare avanti..


Ph: Marti

Quest'anno il blog ha sempre funzionato a sbalzi. Se prima imputavo la cosa agli impegni e alla fatica del servizio civile, poi le cose sono cambiate.
Ho deciso di mettere in pausa il blog prima del previsto quest'estate, perché non c'ero con la testa. Non riuscivo a concentrarmi, a pensare e nemmeno a leggere, se non qualche pagina qua e là. 
C'erano sempre le solite preoccupazioni: casa, salute, lavoro e futuro. Ma per lo meno avevo un punto fisso. Una persona che era una colonna a cui aggrapparmi, che era tutto il mio mondo. 
Con cui facevo progetti per il futuro, con cui, se le cose fossero andate come doveva, avrei costruito una famiglia già qualche anno fa..  ma col senno di poi è stato quasi meglio non aver dato la vita a una piccola creatura, che ora probabilmente si troverebbe distrutto ancora più di me.
Tutto questo si è rivelato essere solo il preludio della fine di un capitolo della mia vita durato 7 anni.
In uno degli ultimi post ero fiduciosa e speranzosa riguardo il futuro e i miei progetti.
Poi tutto è andato in pezzi. Quel poco di fiducia in me stessa che ero riuscita così faticosamente a costruire, si è sgretolata completamente. 
Sono rimasta vuota, a pezzi, a chiedermi cosa avevo sbagliato.
Poi ho capito. Io non avevo sbagliato niente, se non forse aver dato tutta me stessa, tutto e troppo, a quella persona. Non è servito a nulla. 
Nel giro di qualche settimana il mio mondo, i miei progetti condivisi, i miei sogni e la mia colonna sono andati in frantumi. 
Sette anni spazzati via, senza sapere bene nemmeno il perché.
Perché un motivo vero c'è sempre, è troppo facile nascondersi dietro ad un "ho sbagliato io, non è colpa tua" mentre si carica in macchina la propria roba.
Sette anni in cui ho sacrificato tutto, tutta me stessa, anni in cui ho messo da parte tante cose. Sbagliando a quanto pare, ma ero innamorata. Totalmente. 
Quindi ora, anche se ancora tra qualche lacrima, si riparte per ricucire insieme i frantumi lasciati e andare avanti.
Un libro alla volta, un sogno e un progetto per volta. 
Per il momento da sola.
Ma senza più essere triste, perché certe persone non meritano la mia sofferenza e le mie lacrime. 
Solo la mia rabbia. 
E spero che in qualche modo tu capiti qui a leggere, ma dubito accadrà.. visto che nemmeno in sette anni hai mai dato un minimo segno di interesse per quello che facevo qui.
Quindi fanculo, io vado avanti per la mia strada, senza di te, e più forte di prima. 
Con le vere colonne della mia vita: la mia famiglia, con i miei meravigliosi genitori, il mio fratello, le mie stupende nipotine e mia cognata che mi svela i misteri dello scrapbooking. 
E alcuni dei miei meravigliosi amici che in tutto questo mi hanno aiutata a non rinchiudermi a guscio. Che fossero vicini, a km di distanza o dall'altra parte del mondo, amici che conosco da una vita o con cui ho scambiato una semplice chiacchierata. 
A voi va un grazie immenso. 
A te nulla, perché non sei più nulla per me. 

 

E non mi importa se non mi ami più
E non mi importa se non mi vuoi bene
Dovrò soltanto reimparare a camminare


A presto,
Ari♥

10 commenti:

  1. In bocca al lupo per il futuro, per i tuoi nuovi progetti, per la tua nuova prospettiva. Scoprire quanto bella e completa è la nostra vita, al di là di queste sofferenze, è una gioia immensa. Sicuramente con la tua consapevolezza e la tua forza realizzerai tanto :) un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Sono sicura che troverai la felicità è il tuo equilibrio :)

    RispondiElimina
  3. Mi è piaciuto il "fanculo, io vado avanti". Continua così

    RispondiElimina
  4. Ciao Ari :) ci conosciamo solo tramite i nostri blog, però a volte su queste pagine condividiamo cose più intime e personali di quelle che raccontiamo a persone che abbiamo intorno nella "realtà". Questo post mi ha molto toccata, sento di poterti capire almeno in piccola parte... anch'io sto con lo stesso ragazzo da molto tempo e più di una volta abbiamo detto "basta" (anche se alla fine stiamo ancora insieme) e conosco il vuoto che si prova in quel momento. Capisco anche bene il tuo dispiacere per il suo disinteresse nei confronti di quello che fai qui... E vabbè, niente, ti sono vicina anche se soltanto da dietro uno schermo, sono sicura che passato il giusto tempo tirerai fuori ancora più grinta e determinazione e sarai più forte di prima.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Julia :) anche se solo da dietro uno schermo, per me vuol dire tanto!
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Ciao fanciulla, sono capitata ad iniziare a seguirti in un momento delicato della tua vita e sinceramente mi sento come una di quelle persone imbucate alla festa di qualcun altro. In questo caso, al funerale di una storia. Quindi non dirò molto, perché mi sentirei indelicata, oltre che imbucata, ma volevo solo dirti che ho ammirato la grinta e il coraggio che hai trasmesso nel post. Un bacione fanciulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Duille, grazie davvero.
      E non sentirti assolutamente un'imbucata. Mi fa piacere leggerti sul tuo blog e anche qui :)
      Un bacio!

      Elimina

Ehi ciao! Lascia una traccia del tuo passaggio