CHIUSO PER FERIE

CHIUSO PER FERIE

domenica 26 giugno 2016

Analogicamente*

Cari lettori, per questa domenica ho optato per un post diverso dal solito.
Una cosa più leggera e meno impegnativa, una cosa adatta alla lentezza della domenica.
Ho sempre avuto una grande passione per la fotografia, probabilmente l'ho eredità da mio padre.
Ha fatto il fotografo per un periodo, quando ancora si usava esclusivamente l'analogico. La quantità di foto scattate da lui, in casa, è immensa. 
Ovviamente oltre a fotografare le sviluppava anche. E ha voluto insegnare anche a me. A scattare e sviluppare. 
Mi ha sempre affascinato il procedimento di sviluppo, la camera oscura e la magia dell'immagine che compare. Sarà per questo che il primo (e ahimè unico) esame all'università fu Fondamenti e storia della fotografia: 3 libroni per un 30 da sei crediti, ma una soddisfazione immensa. 
Il fascino della pellicola e dell'analogico, per me, resta impagabile. Il dover ragionare e studiare prima di scattare, l'incertezza del risultato, le poche pose a disposizione, l'attesa dello sviluppo (sia quello fatto in casa che quello affidato a terzi) rendono tutto magico. 
Ho deciso di proporvi questa selezione di foto prese dai miei primissimi due rullini. Molti scatti sono sbagliati, fuori fuoco, mossi o con l'esposizione sbagliata; insomma, la strada per delle buone foto è ancora lunga. Ma alcune mi piacciono ugualmente e ne sono affezionata ormai. 
Senza dubbio è una cosa completamente diversa dallo scattare in digitale, dove si hanno a disposizione un numero illimitato di scatti e si può subito vedere il risultato. Oltre alla possibilità di poter intervenire, anche pesantemente, in post produzione (cosa che in analogico si può fare, ma in maniera diversa e molto più complessa). 
L'analogico è meraviglioso, trasmette una serie di emozioni durante la fase di scatto che poi si ritrova nelle foto stampate. E questa è un'altra cosa bellissima: le foto stampate. Perché il digitale o anche solo le foto scattate con il cellulare, molto spesso restano relegate in cartelle del pc. Mentre la foto materiale sembra più viva, reale. 
Per questi scatti ho utilizzato una Nikkormat ft3 con Provia 100 e Ilford FP4, entrambi scaduti.
Non vedo l'ora di procurarmi qualche altro rullino con cui sperimentare.


Piedi, che li voglio se ho ali per volare? Frida Khalo

Dormire in due rende la notte meno opaca. Malcolm de Chazal


Nella prossima vita voglio essere un gatto. Dormire venti ore al giorno e aspettare che ti diano da mangiare. Starsene seduti a leccarsi il culo. Gli umani sono dei poveretti, rabbiosi e fissati.
Charles Bukowski

Avere un gatto è l’unico modo tollerabile di essere soli in due.
Gianna Manzini

Ogni rosa è preda dell'inverno.  Jialāl al-Dīn Rūmī

Crepita, la vita, brucia istanti feroci e negli occhi di chi passa anche solo a venti metri da lì non è che un'immagine come un'altra, senza suono e senza storia.
Alessandro Baricco


Fatemi sapere cosa ne pensate di questi scatti, un po' random e molto imperfetti.
E soprattutto se ci sono altri appassionati di fotografia!
A presto,
Ari.

12 commenti:

  1. Saranno anche imperfetti, ma a me piacciono tantissimo! *w*

    RispondiElimina
  2. Ciao Ari!!! Ricordo benissimo le tue foto analogiche, credo di aver iniziato a seguirti su Instagram (o le pubblicavi anche altrove?) proprio grazie a loro!
    Anche io adoro scattare con la pellicola, anche se è qualche mese che non lo sto facendo, ma spero di rimediare presto!! Nel mio blog ho una sezione apposita dove ogni tanto pubblico i mie disastri analogici questa .
    La mia fissa è avere una macchinetta che permetta di fare le doppie esposizioni, le trovo affascinanti da morire!!
    Beata te che hai a disposizione anche una camera oscura e un bravo insegnante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graaazie!
      La camera oscura in realtà è una cosa un po' improvvisata e smontabile in garage, ma ogni volta è uno sclero totale svilupparle! Passo subito a vedere sul tuo blog :)
      Le doppie esposizioni vorrei provare a farle pure io, ma credo di dovermele studiare per bene, anche dal punto di vista della scelta del soggetto.

      Elimina
    2. Si, ci vuole un po' di organizzazione! A me sono capitate a volte per l'incepparsi del rullino, ma ovviamente non sono perfette, anzi..!!!

      Elimina
    3. Però ogni tanto qualcosina di carino e particolare salta fuori anche con gli errori. Tipo l'ultima foto, devo dire che l'alone in mezzo mi piace molto xD

      Elimina
  3. Ciao! Bellissimo post! Si sente la tua passione per la fotografia da ogni parola che hai scritto ed è fantastico come tuo padre ti abbia insegnato quest'arte. Le foto sono molto belle!
    A presto

    RispondiElimina
  4. Avevo già avuto modo di ammirare i tuoi scatti e le frasi che hai scelto per accompagnarli, stavo pensando di rubartene un paio e inserirli sotto "Annotazioni", se questo non ti disturba ovviamente :)
    Imparare un'arte da autodidatti è bello ma quando hai vicino un maestro o comunque un appassionato, poterne ereditare la stessa emozione che traspare è infinite volte meglio! Non saranno perfette ma complimenti!
    Non so se ami questi giochi ma ho voluto lo stesso passarti il testimone, prendilo come un modo per dirti grazie ;) Click

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie!
      Puoi inserirli senza problemi :) E grazie mille per avermi nominata

      Elimina
  5. Le foto (e anche le citazioni scelte)sono molto belle, complimenti!
    A me piacciono molto le polaroid, infatti è da un po' che vorrei comprarne una. Pensavo alla instax mini 8! Anyway, all'accademia di belle arti facciamo anche Fotografia, solo che è meno bella di questo mi aspettassi. Ovviamente per colpa del professore, non della materia in sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graaazie!
      Anche a me piacciono moltissimo le polaroid, mi frena il costo delle pellicole però ç_ç ma prima o poi, magari una la prendo.
      Fai l'accademia di belle arti? Woow, che bello. Inizialmente volevo andarci pure io dopo il liceo artistico, ma alla fine ho cambiato rotta :)
      Ho seguito anche il corso di fotografia all'università, di sola teoria. Era abbastanza monotono e banale per chi già conosce la materia, sempre per via del professore, ma i tre libroni da studiare mi sono piaciuti un sacco :3

      Elimina

Ehi ciao! Lascia una traccia del tuo passaggio