CHIUSO PER FERIE

CHIUSO PER FERIE

venerdì 4 marzo 2016

Spoonie chronicles: Risveglio inorganico.

Questo post non vuole essere niente di più che uno sfogo personale, nient'altro. 
Non è una ricerca di pietà, compassione, accettazione o tentativo di vittimismo. 
E' la mia realtà. Per questo Spoonie chronicles, perché è quello che io vivo con il mio problema, come moltissime altre persone fanno con i loro disturbi. 
Una fessura da cui spiare una quotidianità diversa, uno sfogo. Nient'altro.


05:47 - Suona la sveglia di fidanzato, facendoti sobbalzare e irrigidire tutti i muscoli. Sembra che un migliaio di minuscoli aghi ti si conficchi su tutto il cranio. Senza lasciare scampo. 
E' questo il segnale. Sai che è una di quelle mattine, odiose, dolorose e che ti fanno sentire totalmente inutile.
Con un occhio aperto e uno chiuso, aspetti che fidanzato si alzi, prepari e prenda tutto per andare a lavoro. Dopo averlo salutato, spegni la luce e lentamente ti accasci sul cuscino. Ma la quiete non è ancora in vista, infatti alle 6.00 suona la sveglia di madre, che scende le scale seguita a ruota da 2 cani di 70 kg affamati. Cani che, a colazione finita, usciranno in giardino ad abbaiare agli ultimi caprioli ritardatari, che si fermano ancora al limitare del bosco.
Poi è il turno di padre, e fino alle 7.30 la casa continuerà a brulicare di attività, umana e animale. Quindi non resta altro che aspettare. Al buio e nella più totale immobilità, perché anche il movimento più piccolo ed insignificante farebbe partire fitte di dolore lancinanti. Con un po' di concentrazione, auto ipnosi e tanta pratica, riesci quasi a sonnecchiare. Avvolta in un torpore caldo, ma al contempo disturbato. 
Quando finalmente cala il silenzio, le opzioni sono due: restare confinata al buio, immobile sotto le coperte, fino ad un orario imprecisato, pregando che il dolore si attenui, che cani e gatti non combinino nulla di sotto; 
oppure farsi forza, fisicamente e mentalmente, e alzarsi per trasferirsi sul divano. 
Questo implica trascinarsi in bagno per riuscire a svolgere almeno il minimo indispensabile, magari provare a vestirsi. Dopo un po' il pigiama in pile con gli orsetti diventa un outfit imbarazzante e deprimente anche in famiglia. 
Se è una giornata fortunata, riesci ad arrivare di sotto. 
Ma oggi la fortuna non c'è. Si è esaurita, insieme alle forze nel mettere insieme i pensieri di questo piccolo sfogo. Nel tentativo di non sprofondare ancora più giù, nell'abisso. 


Ari.

Credits photo:
Arianna Bordignon 

11 commenti:

  1. Non ho capito bene cosa sta succedendo, ma credo sia positivo che tu sia arrabbiata: è la tua ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che arrabbiata, ormai sono rassegnata.

      Elimina
  2. Non voglio commiserarti o aver pietà di te perché non è giusto, ma leggere di questo tuo problema mi fa piangere ogni volta che leggo quello che scrivi!!
    Ma cosa è questa cosa che ti succede? Ha un nome? Se non ti va di rispondere o se sono stata indiscreta ti chiedo scusa.
    A presto
    Nashira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soffro di emicrania e cefalea croniche, con tutto quello che ci va dietro, da circa 10 anni. Ne ho scritto brevemente nel post "The spoon's theory" :)
      In pratica ho perennemente mal di testa.. a cui seguono nausea,depressione, ansia e via dicendo.

      Elimina
    2. cazzo. C'è buona probabilità che ce l'abbia anche io (se escludiamo la dep.) almeno per il momento

      Elimina
    3. sono sempre molto indelicata. In realtà non so neanche come si diagnostica una cosa del genere ma ho mal di testa da che ho memoria. (Tipo adesso che mi sento come se mi stessero trapanando il lato destro della tempia)

      Elimina
    4. Diciamo che esistono svariati tipi di mal di testa, emicrania e cefalea. Il mio rientra in una piccola percentuale di cronico e resistente ai farmaci. La depressione è stata una conseguenza della situazione.
      Può anche essere che avendo messo gli occhiali, il tuo ora migliori :) Te lo auguro con tutto il cuore! I motivi scatenanti possono essere infiniti

      Elimina
    5. Io ho l'emicrania con aura, non troppo spesso per fortuna. Non riesco più a vedere e ho la nausea e dopo un forte mal di testa, mi dissero che dipende da stesso:/

      Elimina
    6. Io ho avuto un paio di attacchi con aura e sono stati abbastanza terribili. Vista offuscata con aloni luminosi, intorpidimento di metà faccia e braccio, fatica a parlare e un dolore assurdo anche alle cervicali.:(
      E' una brutta compagnia davvero!

      Elimina
  3. Ciao Ari! Soffro di cefalea da molti anni, un tempo erano peggiori, soprattutto in periodo liceale, però mi capita qualche giornata veramente no dove resto sdraiata a letto al buio. Di certo il tuo problema è molto più grave del mio, ma ti capisco perché tutti in famiglia soffriamo di mal di testa. Spero che oggi sia una giornata sì per te <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Oggi è una giornata Ni, ma mi accontento!
      Ti capisco perfettamente, il mal di testa è una brutta bestia in tutti i casi e in tutte le forme!
      Grazie ♥

      Elimina

Ehi ciao! Lascia una traccia del tuo passaggio