CHIUSO PER FERIE

CHIUSO PER FERIE

lunedì 21 marzo 2016

Giornata mondiale della poesia 2016

Salve lettori,
questi giorni non sarò molto presente sul blog a causa di un po' di impegni, visite mediche e mal di testa martellante. Ma oggi ci tenevo a scrivere qualcosa per la giornata mondiale della poesia.
Come ogni anno, il primo giorno di primavera è dedicato alla giornata della poesia.
Personalmente, ho riscoperto la poesia in tempi abbastanza recenti. Durante le medie mi ero innamorata della poesia La pioggia nel pineto di D'Annunzio, poi per anni l'ho trascurata totalmente.
 

Fino a quando ho trovato in soffitta un libro di poesi di Herman Hesse. Da questo sono passata ad Alda Merini, di cui oggi ricorre anche l'anniversario della nascita, ai poeti francesi e alla contemporanea di Chandra Livia Candiani con La bambina pugile ovvero la precisione dell'amore. 





















Scegliere una poesia preferita è una scelta ardua. Credo che ce ne sia più di una adatta ad ogni momento della vita. 



La poesia di Paul Valéry, Il cimitero del mare, è al momento una delle mie preferite per il verso: 
"Si alza il vento, bisogna tentare di vivere."
Di un altro poeta francese è la famosa poesia I ragazzi che si amano di Prevert

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore.


























A presto,
Ari


Credits photo: 
Arianna Bordignon
Mauro Biani 
Pinterest (autore non trovato) 

venerdì 18 marzo 2016

Proibito di Tabitha Suzuma

Ciao a tutti! Latito da un po' di giorni ed è probabile che la cosa continui anche settimana prossima, ma sto cercando di organizzarmi al meglio e presto tornerò attiva.
Vi lascio questa recensione questa mattina presto, perché dalle 12.00 in poi sarò senza corrente elettrica *yeeeah* Mai una gioia. 
Per fortuna è una bella giornata di sole, ma bando alle ciance. 

Titolo: Proibito 
Autore: Tabita Suzuma
Editore: Mondadori
Anno: 2011
Prezzo: 16,00
Pagine: 360

Trama: Lochan ha quasi 18 anni, è chiuso e solitario. Maya ne ha 16, è molto sensibile e più matura di quello che la sua età richiederebbe. Sono fratelli, e hanno altri tre fratellini più piccoli da accudire: Kit, Tiffin e Willa, la loro ragione di vita e la loro preoccupazione più grande da quando il papà li ha abbandonati per una nuova famiglia e la mamma ha iniziato a bere e si è trovata un altro uomo. I giorni passano e solo una cosa ha senso: essere vicini, insieme, legati, forti contro tutto e tutti. Per Maya, Lochan è il migliore amico. Per Lochan, Maya è l’unica confidente. Ma cosa succede quando il vortice dei sentimenti ti trascina verso un’attrazione fatale? Se il legame diventa così stretto e subentrano l’attrazione fisica, la passione, la gelosia, la dipendenza? Un bacio, un momento di passione e poi la catastrofe è inevitabile.

Come può una cosa tanto sbagliata renderti così felice? 
E' un tema  difficile quello trattato nel romanzo.
Una famiglia a dir poco disastrata: un padre sparito dall'altra parte del mondo con una nuova moglie, una madre alcolizzata e assente, tre fratellini: KitTiffin e Willa, e due fratelli adolescenti a prendersi cura di loro: Lochan e Maya. Lochan, il fratello maggiore, intelligente e indecifrabile, è considerato un disadattato perché non parla praticamente mai se non in casa. Maya, di tredici mesi più piccola di Lochan, più estroversa e positiva all'apparenza, ma consapevole del fatto che questa sia solo una facciata, è l'unica che riesce davvero a capire il fratello. Entrambi cresciuti troppo in fretta e costretti a delle responsabilità e dei problemi troppo grandi per due adolescenti. Tolti i panni degli studenti, dopo la scuola, diventano due genitori pronti a farsi carico dei fratellini incontenibili, delle bollette, delle pulizie e dei compiti. Senza mai un attimo di riposo, i due si sostengo a vicenda difronte alla madre perennemente assente perché troppo impegnata con l'alcool ed a inseguire la giovinezza persa correndo dietro agli uomini. La loro vita si divide tra scuola e casa, tra compiti e faccende domestiche, tra un giovane adolescente in crisi e una bambina di 5 anni vivace e sognatrice, sempre pronta a giocare con l'altro fratellino.
La consapevolezza di potersi appoggiare solo tra loro due, farà mutare il loro legame fino a far nascere il sentimento più complicato che esista. Un sentimento impensabile e proibito, ma allo stesso tempo dolcissimo e confuso. Un amore clandestino che li metterà alla prova, un amore che cercheranno di sostituire e rifiutare, ma che non si arrenderà e continuerà a crescere. Un sentimento vero e puro, quello dell'amore di due anime gemelle a cui il destino ha giocato un brutto scherzo.
E così, tra bambini da crescere, bollette, compiti ed esami il loro amore, inizia la scalata verso la felicità.Il timore di non farcela, di venir scoperti, la paura che li allontana e avvicina, aleggia sempre nell'aria, come un monito impossibile da ignorare.Sono costretti a vivere dietro una maschera, in una finzione comandata dai dettami di una società che non trova spazio per i loro sentimenti. Ma tutto questi problemi scompaiono magicamente con un bacio, una carezza un ti amo detto sottovoce nell'ombra di una stanza illuminata solo dalla luna. Attimi di gioia e amore rubati. 

Si possono chiudere gli occhi davanti a ciò che non si vuole vedere, ma non si può chiudere il cuore davanti a ciò che non si vuole sentire.



Si fa strada il sogno di poter stare per sempre insieme, di trovare una soluzione. Sognano di continuare la loro storia di nascosto mentre i bambini cresco e di poter finalmente stare insieme liberamente quando la famiglia non avrà più bisogno di loro. Un sogno dolce e comprensibile. Ma la vita non è fatta per sognare ad occhi aperti. 
Quando tutto sembra andare finalmente per il meglio, accade il peggio e tutto inizia a cadere.
Concordo con chi, dopo aver letto il libro, ha detto che Proibito è una delle migliori letture. Si rimane con il fiato sospeso fino all'ultima parola. L'alternarsi dei pensieri di Maya e Lochan diventa indispensabile vista la tematica così complicata e intensa. Si riesce così ad avere un quadro completo dei pensieri di entrambi. E' una storia che analizza meticolosamente la psiche dei protagonisti, fino a rendere il tutto autentico, reale e profondo. Nel loro amore non c'è perversione, nulla di torbido, solo un'infinità di sensazioni che a volte risultano difficili da sostenere.
Lo stile dell'autrice è intenso ma scorrevole,  riesce a spingere il lettore al limite, mettendolo alla prova. E' riuscita a dar vita a un intreccio perfetto quanto difficile da accettare. Ci troviamo difronte ad un quadro di un realismo doloroso, struggente, accompagnato dalla disperazione, dal bisogno d'amore e dalla speranza di un destino migliore. 
Anche se la situazione è sbagliata, il cuore del lettore non smette di palpitare nonostante la confusione, la tristezza e la frustrazione. Non ci si sente "disgustati" dal loro amore, ma invasi dai loro stessi sentimenti di dolore e pena.
La storia è dolce e amara e quando si conclude lascia uno squarcio nel petto. 
E' un susseguirsi di struggente dolcezza e malinconia che crea situazioni nuove e sempre più coinvolgenti fino ad accompagnare il lettore sul sentiero della sofferenza, che fa rimanere senza parole, fa riflettere e lascia il segno. Forse il finale lo immaginavo, o lo speravo, diverso. Ma chi può dire se sarebbe stato migliore. 

Leggendo questo romanzo non ho potuto far a meno di pensare al mito di Aristofane o degli androgini di Platone. Secondo la mitologia greca, gli umani originariamente furono creati con quattro braccia, quattro gambe e una testa con due facce. Temendo il loro potere, Zeus li divise in due parti separate, condannandoli a trascorrere le loro vite a cercare l’altra loro metà, che gli era stata ingiustamente negata. E' da sempre  un mito che mi affascina e che amo. 

Unico punto negativo del romanzo, la dicitura Young Adult. Proibito, a mio parere, è un libro che va capito, con un tema difficile su cui bisogna riflettere, adatto ad un pubblico più maturo. 





Alcuni estratti

Il sentimento era lì che covava da anni, salendo giorno dopo giorno sempre più vicino alla superficie. Era solo questione di tempo prima che squarciasse la ragnatela del nostro rifiuto mentale, obbligandoci a guardare in faccia la realtà ed ammettere ciò che siamo: due persone innamorate di un amore che nessuno potrà ma capire.

Tu sei qui davanti a me, coperta di tagli e lividi, ed è come se te li avessi inferti io con le mie stesse mani. E ti amo, ti amo così tanto che mi sento morire, eppure non posso che continuare a respingerti e farti soffrire, finché alla fine il tuo amore non si tramuterà in odio.
Per sopravvivere, il corpo umano ha bisogno di un flusso continuo di cibo, di ossigeno e di amore. Senza di lei, perderei tutti e tre. Distanti, inizieremmo lentamente a morire.
E so bene quello che prova;è talmente bello da far male. Mi sembra di poter morire di gioia. Mi sembra di poter morire di dolore.
Quand'è che ci si arrende, che si decide che il troppo è troppo? La risposta è una sola. Mai.  






lunedì 14 marzo 2016

Ho pianto lacrime.



Ho pianto lacrime
fino ad avere schegge di ghiaccio a trafiggermi gli occhi,
ho pianto lacrime fino ad avere un lago in cui annegare,

ho pianto lacrime
fino a farmi scoppiare la testa,
ma il dolore dentro non è uscito.

E' rimasto lì, rintanato in un angolo, fino alla prossima esplosione.
Fino al prossimo assordante dolore, bisognoso di essere sentito, ascoltato e cullato.

E rimane solo un bagno freddo di vuoto e silenzio,
come le schegge di ghiaccio e le cicatrici dentro i miei occhi.

Fino alla prossima esplosione di dolore.
In cui affogare.


























Credits photo:
Tumblr 

mercoledì 9 marzo 2016

Un giveaway che non è un giveaway, una catena incrociata o di scambio; insomma libri per tutti!

Buonsalve! 
Il post di oggi sarà un po' diverso, ma credo potrà interessare moltissimo  tutti gli amanti dei libri.
Alcuni avranno sicuramente letto su facebook ed instagram di una sorta di "catena-scambio" libri. 
Occorre l'adesione di minimo 6 persone, si invia 1 solo libro e si possono ricevere più o meno 36 libri! 
Ma di cosa si tratta realmente?
E' una sorta di catena incrociata.
Se aderite io vi manderò l'indirizzo di chi ha coinvolto me nell'iniziativa, voi dovrete quindi inviare un solo libro a questa persona. A quel punto scriverete sui vostri blog o social un post per condividere l'iniziativa e alle persone che aderiranno dovrete dare il mio indirizzo, di modo cHe inviino a me. Queste persone a loro volta scriveranno il post e chi aderirà invierà a voi il libro. 
Sembra macchinoso, ma in realtà è abbastanza semplice. 
Potete partecipare anche se non avete un blog, su facebook o instagram (io l'ho scoperto là).
La trovo una cosa molto, molto carina. 
Se siete davvero interessati commentate qua sotto, e poi scrivetemi una mail a arianna.bordignon@hotmail.it o un messaggio sulla pagina facebook Ariadne's Diary, così potrò darvi l'indirizzo della persona a cui spedire il libro. 
Ovviamente il tema dei libri è libero. 
Fatemi sapere cosa ne pensate e se vi è tutto chiaro!
Dai, facciamo girare un po' di libri!
Voi date  1 libro e potreste riceverne 36 o piú! Basta far girar la voce e creare una bella catena!




A presto,
Ari 

Credits photo: 
Weheart.it (click sulla foto)
Arianna Bordignon 

venerdì 4 marzo 2016

Spoonie chronicles: Risveglio inorganico.

Questo post non vuole essere niente di più che uno sfogo personale, nient'altro. 
Non è una ricerca di pietà, compassione, accettazione o tentativo di vittimismo. 
E' la mia realtà. Per questo Spoonie chronicles, perché è quello che io vivo con il mio problema, come moltissime altre persone fanno con i loro disturbi. 
Una fessura da cui spiare una quotidianità diversa, uno sfogo. Nient'altro.


05:47 - Suona la sveglia di fidanzato, facendoti sobbalzare e irrigidire tutti i muscoli. Sembra che un migliaio di minuscoli aghi ti si conficchi su tutto il cranio. Senza lasciare scampo. 
E' questo il segnale. Sai che è una di quelle mattine, odiose, dolorose e che ti fanno sentire totalmente inutile.
Con un occhio aperto e uno chiuso, aspetti che fidanzato si alzi, prepari e prenda tutto per andare a lavoro. Dopo averlo salutato, spegni la luce e lentamente ti accasci sul cuscino. Ma la quiete non è ancora in vista, infatti alle 6.00 suona la sveglia di madre, che scende le scale seguita a ruota da 2 cani di 70 kg affamati. Cani che, a colazione finita, usciranno in giardino ad abbaiare agli ultimi caprioli ritardatari, che si fermano ancora al limitare del bosco.
Poi è il turno di padre, e fino alle 7.30 la casa continuerà a brulicare di attività, umana e animale. Quindi non resta altro che aspettare. Al buio e nella più totale immobilità, perché anche il movimento più piccolo ed insignificante farebbe partire fitte di dolore lancinanti. Con un po' di concentrazione, auto ipnosi e tanta pratica, riesci quasi a sonnecchiare. Avvolta in un torpore caldo, ma al contempo disturbato. 
Quando finalmente cala il silenzio, le opzioni sono due: restare confinata al buio, immobile sotto le coperte, fino ad un orario imprecisato, pregando che il dolore si attenui, che cani e gatti non combinino nulla di sotto; 
oppure farsi forza, fisicamente e mentalmente, e alzarsi per trasferirsi sul divano. 
Questo implica trascinarsi in bagno per riuscire a svolgere almeno il minimo indispensabile, magari provare a vestirsi. Dopo un po' il pigiama in pile con gli orsetti diventa un outfit imbarazzante e deprimente anche in famiglia. 
Se è una giornata fortunata, riesci ad arrivare di sotto. 
Ma oggi la fortuna non c'è. Si è esaurita, insieme alle forze nel mettere insieme i pensieri di questo piccolo sfogo. Nel tentativo di non sprofondare ancora più giù, nell'abisso. 


Ari.

Credits photo:
Arianna Bordignon 

mercoledì 2 marzo 2016

Poesie della notte, del giorno, di ogni cosa intorno di Silvia Vecchini e Marina Marcolin

Ciao a tutti!
Il libro di oggi è uno dei miei preferiti in assoluto.
Unisce poesia e illustrazioni. In un connubio meraviglioso, delicato e quasi impalpabile.
Ho scoperto questo piccolo gioiello alla mostra Le immagini della fantasia di Sarmede del 2014. Me ne sono innamorata subito. Soprattutto per le illustrazioni ad acquerello di Marina Marcolin, con il suo stile inconfondibile, delicato e onirico. L'acquerello è una delle mie tecniche preferite, quella che uso e sperimento più di frequente. Quella che sogno di usare, un giorno, per le mie illustrazioni.
E prima o poi, spero tanto di poter seguire uno dei corsi di Marina.


Il mio gioco preferito prima
di dormire è fingermi
un sasso un mezzo
al bosco. essere coperta
di muschio, stare
dentro l'oscurità, stare
nella pancia del lupo
sapendo che nessuno
mi mangerà.


Poesie della notte, del giorno, di ogni cosa intorno 
Silvia Vecchini e Marina Marcolin 
Topipittori 
16,00 euro 
56 pagine
2014
Una raccolta poetica di rara intensità, condotta con misura e sapienza da Silvia Vecchini, qui al suo esordio nella poesia per ragazzi, e Marina Marcolin acquerellista e disegnatrice senza pari. Un lavoro di scavo paziente, concentrato e segreto per portare a galla dal prodigioso giacimento dell’infanzia e dell’adolescenza gemme di inaudito splendore: istanti di bellezza folgorante, lampi di sofferenza sconosciuta, sprazzi abbaglianti di consapevolezza. Un percorso misterioso e, al tempo stesso, familiare, fra il tempo quotidiano dei giorni e quello sospeso del cuore, a volte opaco, a volte forsennato, nel suo ritmo imprevisto e irregolare. Un libro che, senza paura, vola alto, altissimo, per affermare il diritto all'altezza di un’età che come poche altre non teme il coraggio e la paura di quell'umanissima impresa che è conoscere se stessi.

La scrittura poetica di Silvia Vecchini incontra le illustrazioni eteree di Marina Marcolin.
Le parole sfumano nell'acquerello leggero, creando una perfetta magia. Penna sapiente e pennello delicato.
Attraverso i versi riscopriamo un'infanzia vissuta, desiderata o immaginata.
Nell'acquerello liquido, ritroviamo i luoghi vissuti o solo attraversati, la possibilità di riconoscere e conoscere se stessi.
I piani si invertono, mescolano e fondono. Il leggero scivola sul nitido e viceversa.
Sommersi nella notte, vediamo la nostra vita, le sue stagioni e sentimenti. La natura e la quotidianità, le piccole e grandi cose della vita. E infine si ritorna al silenzio della notte.
Un viaggio di conoscenza in luoghi e atmosfere dell'infanzia, si toccano le sensazioni, i sentimenti, i desideri e le visioni della giovinezza. La paura di crescere, ma anche il coraggio di affrontare sfide e scoperte con curiosità.
Un piccolo libro che è un piacere per gli occhi e le orecchie.
L'accostamento dell'acquerello alle poesie, entrambi lievi, per esprimere pensieri, sensazioni, emozioni. 
E' un libro di estrema delicatezza, ma al contempo forte. Bellissimo, sia per la parte scritta che per quella illustrata. 













★ ★ ★ ★ ★
Bellissimo


A presto,
Ari. 

martedì 1 marzo 2016

Books around me #2: Febbraio



Rubrica ideata da me, per mostravi i libri arrivati sul mio comodino durante il mese.

Salve, salve! E' il momento di fare un riepilogo dei libri arrivati tra le mie grinfie. Volevo pubblicare il riepilogo dei libri ieri, ma il mal di testa mi ha messa ko. Quindi ve lo pubblico ora che sono in treno, di ritorno a casa!
E' arrivato il mio adorato ordine del Libraccio, con anche i regali di compleanno per Madreh.
Sei libri in tutto, tutti a metà prezzo. 
Bookmooch, a cui mi sono iscritta da poco, ha già dato i suoi frutti con Big Magic di Elizabeth Gilbert. 
E' arrivato anche un ebook, che quasi certamente mi porterà ad acquistare il cartaceo, Nessuno scompare davvero di Catherine Lacey, edito da Sur
Altro libro che sono molto curiosa di leggere è La verità su di noi di Kristan Higgins, della Harper Collins
Devo ammettere che ho avuto la tentazione di fare ulteriori acquisti. Specie alla Feltrinelli, dove volevo prendere Il buio oltre la siepe di Harper Lee. Ho sempre voluto leggerlo, ma ho sempre rimandato. Poi è arrivata la notizia della scomparsa dell'autrice (e il giorno dopo di Eco). Mi sono trattenuta, ma non so quanto resisterò! A marzo ci sono parecchie uscite che mi interessano. 
Fratello mi ha prestato Il combattente di Karim Franceschi, storia dell'autore che ha combattuto a Kobane contro Daesh (Isis), mentre proprio questa mattina mi è arrivato Il racconto dello sguardo acceso di Franco Buffoni. 
Vertigine di Sophie Jomain, ho un po' di timore ad iniziarlo perché dubito possa essere nelle mie corde, ma non si sa mai. 

Il racconto dello sguardo acceso
Franco Buffoni
Marcos y Marcos - 15,00
È veramente acceso lo sguardo sul mondo in questi racconti appassionati. Che si parli di un amore consumato dietro la saracinesca chiusa di una pizzeria, di una ragazza sensuale che attraversa un ponte a grandi falcate e chiede a un passante can you give me fire, che si tocchi il problema delle farmacie di turno e delle indicazioni stradali sull’autostrada per Gravellona Toce, corpo e mente sono felicemente allerta, per godere, per cogliere la bellezza, ma anche per denunciare la stortura, la meschinità, l’affronto.
Il mondo si percorre in lungo e in largo, da Tunisi al Lago di Lugano, con gli occhi pieni di domande, il cuore predisposto alla sorpresa.
I ladri arrivano all’ora del lupo, ma ci si può difendere; una seduta burocratica si trasforma in un reading se si evoca il ‘sublime clandestino’; e Pasolini non è morto invano.
Politica e amore, sesso e letteratura si fondono in un racconto di racconti trascinante, come accade in effetti nella vita, e basta un attimo perché ragionamenti ed emozioni diventino poesia.

Regali per madreh

La tredicesima notte di Carlo Sgorlon 
Mondadori - 9,50 (usato 65% di sconto)

Monterosso, improbabile paese del Friuli a ridosso delle montagne, è da sempre il luogo delle streghe, dei portenti, dei fatti strani. Qui nasce e cresce Veronica Castenetto, donna magica, dotata di poteri ipnotici, capace di sentire voci strane, di avere chiaroveggenze, visioni di eventi remoti. Tuttavia la sua è la vita di una donna semplice, appassionata e gelosa. Attorno a lei si muovono i personaggi più diversi: nobili cavallereschi e geniali; donne raffinatissime e fuori dal tempo; ma anche interpreti della nostra epoca aggressiva e tesa al successo.
 


L'amore graffia il mondo di Ugo Riccarelli
Mondadori - 10,50 (usato 65% di sconto)

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. 



Il circolo Swedenborg di Carlo Sgorlon 
Mondadori - 19,00 (remainders 65% di sconto)
Chi è realmente Ermete Lunati Eudòxios, il protagonista di quest'ultimo romanzo di Carlo Sgorlon? Un uomo che insegue idee bizzarre e che crede di essere in rapporto con forze remote dell'universo? Qualcuno che non si trova a casa nel mondo di oggi e per questo pensa di modificarlo con la forza del suo pensiero? Un benefattore idealista che sa intervenire al momento opportuno nella vita degli altri? Come spesso avviene nei romanzi di Sgorlon, il personaggio attorno a cui ruota l'intera storia possiede una natura anomala e inafferrabile, manifesta un atteggiamento di protesta e di ribellione nei confronti del mondo e dei suoi luoghi comuni. Quella di Ermete è però una ribellione dolce e assolutamente pacifica, una ribellione che si manifesta attraverso idee e teorie filosofiche. Dopo una breve pratica come ufficiale su un grande transatlantico che va a fuoco (e che lui salva con intuito e abilità), e grazie a una immensa fortuna economica ereditata dal padre, Ermete fonda insieme alla donna amata, la rumena Octavia, una singolare comunità di pensatori che si ritrovano a vivere, come monaci medievali, in una abbazia del Norditalia. Qui, in nome di uno spiritualismo sincero, nasce il Circolo Swedenborg, che prende nome dal grande scienziato e mistico svedese del Settecento. Attirati dalla teosofia e dalle scienze occulte, lettori di Mircea Eliade e di Gioacchino da Fiore, gli adepti del circolo desiderano aprire uno spiraglio sui segreti del mondo. 
Usato Libraccio 
Io e Mabel 
Helen MacDonald 
Einaudi - 19,50 (usato 50% di sconto)
Nelle prime pagine del libro Helen Macdonald riceve una telefonata: il padre, celebre fotoreporter, è morto all'improvviso d'infarto. Priva di legami e di un lavoro stabile (è ricercatrice associata part-time all'università di Cambridge), Helen si accorge bruscamente di non avere nulla che possa distrarla dal lutto e sprofonda in una violenta depressione. Passano i mesi: instaura una relazione sentimentale e poi la sabota, legge testi sul lutto, si isola, si trascina. Poi, d'improvviso, un sogno ricorrente sui falchi fa scattare in lei una sorta di epifania: per uscire dal gorgo che la soffoca addestrerà un falco, ma non un falco qualsiasi, piuttosto un astore, uno dei piú grossi e feroci rapaci che esistano, un animale del sottobosco, sanguinario e predatore. Cosí entra in scena Mabel, "un rettile. Un angelo caduto. Un grifone uscito dalle pagine miniate di un bestiario". Helen si ritira dalla comunità per dedicarsi esclusivamente all'addestramento dell'animale, in un isolamento ossessivo. Il racconto dell'addestramento, dell'osservazione del comportamento della giovane Mabel, della paura, della fascinazione e della strana tenerezza che prova per l'animale, s'intreccia con la rilettura del libro "The Goshawk" di T. S. White e quindi con la rievocazione della biografia di questo scrittore, autore tra le altre cose di un libro su Artú poi ripreso dalla Disney in La spada nella roccia... 

Annientamento 
Jeff Vandermeer
Trilogia dell'Area X
Einaudi - 16,00 (usato 50% di sconto) 
Per trent'anni l'Area X - un territorio dove un fenomeno in costante espansione e dall'origine sconosciuta altera le leggi fisiche, trasforma gli animali, le piante, sembra manipolare lo stesso scorrere del tempo - è rimasta tagliata fuori dal resto del mondo. La Southern Reach, l'agenzia governativa incaricata di indagarne gli enigmi e nasconderla all'opinione pubblica, ha inviato numerose missioni esplorative. Nessuna però è mai tornata davvero dall'Area X: chi, inspiegabilmente, ricompariva al di qua del confine era condannato a un destino peggiore della morte. Questa volta, però, sarà diverso: la dodicesima missione è composta unicamente da donne. Quattro donne che non conoscono nulla l'una dell'altra, nemmeno il nome - sono indicate con la funzione che svolgono: l'antropologa, la topografa, la psicologa e la biologa - accettano di partecipare a un viaggio che assomiglia molto a un suicidio. Cosa le ha spinte a imbarcarsi in una missione tanto pericolosa? La biologa spera di ritrovare il marito, uno dei membri dispersi della spedizione precedente. Ma forse cerca anche di fuggire dai suoi fantasmi. E le altre? Cosa nasconde la psicologa, ambigua leader del gruppo? Quando le quattro esploratrici incappano in una strana costruzione mai segnalata da nessuna mappa, capiranno che fino a quel momento i disturbanti misteri dell'Area X erano stati appena sfiorati. 

Primo non nuocere 
Henry Marsh 
Ponte alle grazie - 16,80 (usato 50% di sconto)
Cosa significa essere un neurochirurgo? Come ci si sente ad avere in mano le sorti di una persona, mentre ci si apre un varco tra la materia grigia che ne genera i pensieri, i sentimenti e le emozioni? E, se qualcosa va storto, come si convive con le conseguenze? È ciò che scopriremo attraverso le pagine di questo libro, la confessione sincera e intensa di un famoso neurochirurgo inglese che, alla luce dell'esperienza quarantennale, rievoca le vittorie nelle battaglie combattute al fianco dei pazienti, ma anche le inevitabili sconfitte, gli errori e i fallimenti. Primo non nuocere è la narrazione di una professione eroica, chiamata a confrontarsi ogni giorno con i momenti di maggiore fragilità dell'essere umano - la scoperta della malattia, la speranza di una cura -, a prendere decisioni cruciali che, in un modo o nell'altro, cambieranno i destino dei pazienti, ma anche del medico stesso che porterà sempre con sé le storie di gioia o di dolore delle persone che hanno confidato all'abilità delle sue mani e alla generosità del suo cuore le loro vite in pericolo. 

Vertigine 
Sophie Jomain
Le stelle di Noss Head 1
Fazi - 13,50

All'alba dei diciotto anni, Hannah è semplicemente furiosa all'idea di lasciare Parigi per trascorrere un'altra vacanza estiva a Wick, la piccola cittadina a nord della Scozia dove vive la nonna. Per una ragazza della sua età, abituata alla frenesia della metropoli, non esiste posto più noioso. A risollevarle il morale, per fortuna, ci sono le vecchie amicizie ma anche le nuove conoscenze, fra cui il misterioso Leith, dalla bellezza statuaria e dal fascino irresistibile. Non importa se su di lui circolano strane voci: l'attrazione è immediata, reciproca e incontenibile. Per Hannah sembra che stia iniziando la storia d'amore che tutte le ragazze sognano, ma ogni fiaba che si rispetti ha il suo lato oscuro, e quella della giovane si sta per trasformare in un incubo. 



La verità su di noi 
Kristan Higgins 
Harper Collins Italia - 14,90
Jenny Tate disegna abiti da sposa e dovrebbe quindi essere un'esperta di storie a lieto fine. Forse è per questo che dopo il divorzio ha continuato ostinatamente a essere amica dell'ex marito. E della sua nuova moglie. Forse la migliore amica che abbia mai avuto. No, non può andare bene, non è normale. No? Per questo Jenny decide di lasciarsi Manhattan e il suo ex alle spalle e di trasferirsi nella propria città natale, Cambry-on-Hudson, poco distante da New York, dove si crogiolerà nella perfetta felicità di sua sorella Rachel e della sua splendida famiglia. Un piano niente male per ricominciare. Peccato che al suo arrivo, Jenny si trovi davanti l'apice di una crisi coniugale coi fiocchi: il marito perfetto ha una storia con una collega. Rachel non è certo il tipo da concedere seconde occasioni, ma ora che si trova in mezzo alla bufera, i casi sono due: rimanere single a quarant'anni o intrappolata in un matrimonio che evidentemente non è felice come si era immaginata. Il suo punto di riferimento è l'idilliaca vita coniugale dei genitori, ed è quella felicità che Rachel vuole nella propria vita. Jenny dovrà quindi aiutarla e sostenerla in questo momento non facile. Sarà il caso di svelarle una certa cosetta riguardo al matrimonio di mamma e papà, rischiando di rovinare tutto per sempre? 


Big magic 
Elizabeth Gilbert
Rizzoli - 18,50 
Prima di tutto, credeteci. Non datela vinta alla paura. E ogni giorno, con perseveranza, semplicità e assoluta leggerezza, mettetevi lì, rimboccatevi le maniche e rinnovate il vostro sogno. Si può fare, parola di Elizabeth Gilbert. L’autrice in questo nuovo libro esplora a fondo per noi il processo creativo, mettendoci a parte della sua esperienza e della sua prospettiva unica: la natura misteriosa dell’ispirazione riguarda tutti, ognuno di noi la contiene, ma spesso non sappiamo dove scovarla. La creatività non è, in fondo, un salto del processo logico? Coltiviamo allora la curiosità, accogliamo con spirito lieve le giravolte della vita, e combattiamo con brio ciò che ci spaventa. Poco importa se il nostro sogno è quello di scrivere un libro, o di diventare attori, o di far fronte al meglio agli impegni di lavoro, o se stiamo invece pensando di intraprendere un’avventura a lungo rimandata. Elizabeth Gilbert ci esorta, con fare scanzonato, a portare alla luce i tesori che ognuno di noi custodisce in sé e ad affrontare la quotidianità a testa alta, con consapevolezza, passione e libertà. Non è difficile, e il mondo ci si spalancherà davanti, fatto di gioia e speranze finalmente raggiungibili. Quindi “fate ciò che vi fa sentire vivi. Seguite le vostre passioni, ossessioni e compulsioni. Fidatevi. Create a partire da qualsiasi cosa provochi una rivoluzione nel vostro cuore. Il resto verrà da sé”. 
Nessuno scompare davvero 
Catherine Lacey 
Big Sur - 16,50 
ebook 9,90

Elyria, ventotto anni, ha un lavoro stabile e un marito a New York: ma un giorno, senza dare spiegazioni, molla tutto e parte con un volo di sola andata per la Nuova Zelanda. Passerà mesi a vagare in autostop fra le campagne di quel paese sconosciuto, incrociando le vite di altre persone e tentando di dare un po'di pace alla sua. Scopriamo che Elyria ha un passato difficile (una madre alcolizzata, una sorella adottiva suicida, allieva del professore che è poi diventato suo marito), ma la fuga non è causata da crimini o violenze: nasce da un malessere esistenziale tanto profondo quanto difficile da definire; e il romanzo è, di fatto, un viaggio nella mente della narratrice, capace di osservazioni acutissime sul mondo, ma anche preda di improvvisi squilibri; dentro di lei, dice, si muove un bufalo riottoso che non riesce a placare. 







Il combattente 
Karim Franceschi 
Bur Rizzoli - 17,00
"Sono partito per Kobane. Adesso mi aspetta un breve periodo di addestramento, dopo il quale farò quello che mio padre insieme a milioni di partigiani in Italia e nel mondo hanno fatto per difendere la libertà e la democrazia: combatterò in armi i fascisti del califfato nero." 
Così scrive in una lettera Karim Franceschi, l'unico italiano andato in Siria a combattere l'Isis: ventisei anni, figlio di padre ex partigiano e madre marocchina, Karim ha combattuto a Kobane, contribuendo alla prima grande sconfitta dell'esercito del califfato. Arrivato al fronte come soldato semplice, è poi diventato un abile cecchino... Questo libro, scritto insieme al giornalista Fabio Tonacci, è la ricostruzione momento per momento dei mesi trascorsi in battaglia, tra scontri durissimi, rappresaglie, stragi di civili e villaggi in macerie: un resoconto di cosa significhi lottare e uccidere per la democrazia, una lettura per capire dall'interno la ferocia di una guerra che ci riguarda tutti. 





Ed è tutto. Direi che per questo mese ho accumulato abbastanza libri!
A presto,
Ari